Fioriture alpine: Orchidee e Stelle

C’è qualcosa nell’immobile e fragile bellezza dei fiori, che mi ha sempre ammaliato. Tra tutti, quelli Alpini e montani esercitano su di me un fascino ancora maggiore, piccole pennellate di colore su suolo quasi lunare, aggrappati a speroni brulli, dissetati dalle piogge violente che scrosciano sulle creste rocciose, scaldati dal crudele sole d’alta quota, timidi esploratori della primavera che forano la crosta di ghiaccio dell’inverno.
Quando ho iniziato ad apprezzare l’esplosione delle fioriture in alta montagna, é nato un logico bisogno di informarsi sulle varie specie che popolano il territorio alpino. Come di consueto, ho cercato di informarmi con ricerche su internet, e dulcis in fundo ho ricevuto un bellissimo libro in regalo da mia moglie che ne cataloga le principali specie conosciute nelle mie valli ( “Fiori di montagna delle Alpi Sud Occidentali”, di Iolanda e Giovanni Manavella, molto consigliato, quasi unico nel suo genere e molto valido per abbracciare l’argomento la prima volta, nonché piccolo e pratico da tenere nello zaino durante le escursioni). Ce n’é per ogni gusto, gigli, tulipani, margherite, violette, campanule, ecc ecc… ma tra tutte le specie e famiglie, ce n’è una che ha rapito la mia bramosità di conquista fotografica più delle altre: le orchidee. Esistono infatti molte specie di orchidee selvatiche che abitano i prati delle nostre montagne, dietro casa, e mi é parso incredibile! Normalmente quando pensiamo alle orchidee, la prima connessione automatica é infatti con un concetto tropicale e una terra lontana e inesplorata, ma non é esclusivamente questo l’habitat di queste meravigliose piante, che invece arrivano ad abitare territori molto diversi tra loro (dalle fitte foreste delle isole asiatiche, alle distese erbose glaciali della Patagonia). Tra questi, c’è anche il nostro arco Alpino, e nelle Alpi Cozie in particolare, quasi tutte le specie alpine possono essere incontrate.
Dato il poco tempo a disposizione tra le mie montagne per ovvi problemi logistici, ho dovuto preparare con precisione pochi e precisi raid nel periodo corretto, dato che per la maggior parte delle specie alpine la fioritura avviene tra la metà di maggio e la fine di giugno. Ho passato le serate prima delle camminate a sfogliare il libro e a cercare di imprimermi nella mente il colore e la forma dei fiori, per poterle riconoscere tra la moltitudine di esplosioni colorate che accompagnano le fioriture montane. La fotografia della flora, rispetto a quella della fauna o paesaggistica, ha un vantaggio: non occorre fare levatacce notturne incredibili, camminare ancora al buio per arrivare sul posto all’alba, e soprattutto se la giornata é nuvolosa si ha la giusta luce durante tutto l’arco della camminata, anche fino al tramonto. Per questo motivo, se si é scarsi di tempo, non é necessario pianificare un raid specifico, ma lo si puó integrare nei momenti di trasferimento di altre uscite fotografiche.
Quando il mio occhio é caduto sul primo esemplare di Dactylorhiza Maculata (Orchide Macchiata), la mia felicità é esplosa. Solitaria, eretta, satura ed elegante, l’orchidea si é mostrata a me con la sacralità di un vecchio dipinto in una chiesa. Riscoprirmi felice come un bambino per un fiore in un prato, questo é anche il bello della fotografia naturalistica: spinge alla curiosità attiva nel proprio territorio, che magari si era giá percorso molte volte senza accorgersi di questo dettaglio, che di colpo diventa meraviglioso e fondamentale. Dopo il risveglio dallo stupore, inizia il rito: cavalletto, obbiettivo macro, e pazienza. Dopo alcuni scatti di prova per trovare i parametri ottimali, sono soddisfatto del risultato, anche se col senno di poi mi porterò dietro un piccolo riflettore pieghevole per schiarire le ombre e guadagnare dettaglio in post produzione.
Dactylorhiza Maculata (Orchide Macchiata)

Dactylorhiza Maculata (Orchide Macchiata)

Nelle gite successive ho incontrato anche esemplari di Gymnadenia Nigra (Nigritella Comune) e Orchis Mascula (Orchide Maschia), e addirittura un bel giardinetto di varie specie insieme. Oltre alle orchidee ovviamente ho incontrato molte altre fioriture, tra le quali l’intramontabile e candida bellezza della regina dei fiori d’alta quota: la Stella Alpina. Le emozioni che mi ha regalato questo tipo di ricerca sono state davvero intense, e anche se questo é stato solamente un piccolo assaggio, per il futuro potrò considerare il progetto Orchidee Alpine nelle mie valli come un lavoro piú esteso ed approfondito. Per ora, mi godo questi trofei e anche se riguardare questi scatti che risalgono a ormai quattro mesi fa mi fa tornare la malinconia delle mie montagne, penso con affetto alle radici di quelle piante ormai nascosti sotto terra per affrontare il gelo dell’inverno, pronti a esplodere di bellezza variopinta nuovamente, la prossima primavera.
Orchis Mascula (Orchide Maschia)

Orchis Mascula (Orchide Maschia)

Gymnadenia Nigra (Nigritella Comune)

Gymnadenia Nigra (Nigritella Comune)

Lo spettacolo di una fioritura d'alta quota, che scende come un fiume giallo e bianco le pareti del monte Gran Costa, sopra Pragelato

Lo spettacolo di una fioritura d’alta quota, che scende come un fiume giallo e bianco le pareti del monte Gran Costa, sopra Pragelato

La regina indiscussa dai fiori d'alta quota, la Stella Alpina

La regina indiscussa dai fiori d’alta quota, la Stella Alpina

Lo spettacolo di un bel giardinetto accanto ad un ruscello, a 2.500m di quota

Lo spettacolo di un bel giardinetto accanto ad un ruscello, a 2.500m di quota

Categorie:Alpi, Flora, Paesaggi, Raid e spedizioni

10 replies »

  1. Sono bellissime queste foto Federico e anche le considerazioni che fai sul periodo di latenza invernale delle radici delle piante mi toccano profondamente. Bel lavoro davvero.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: